LA NOSTRA TINA

La vita riserva ad ognuno di noi felicità, amore, ma anche tragedia e dolore. La nostra Tina Adamo, la vogliamo ricordare con il suo splendido sorriso, con i suoi occhi luccicanti che sanno infondere coraggio. L’abbiamo conosciuta nel lontano 2002, lei era una studentessa e appassionata di danza. Quell’anno tra le prime storiche ragazze che hanno dato vita al concorso di Miss Valle Crati. Una ragazza per comune, che dovevano essere rappresentanti di un modo pionieristico di promuovere il territorio. Tina, fiera, dai lineamenti dolci, dal linguaggio perfetto e dal portamento affascinante, è stata la prima concorrente di Rota Greca. Con lei si è subito instaurato un feeling splendido assieme alla madre che la seguiva dappertutto e che ha contribuito alla sua maturità si è instaurata una bella amicizia. Una ragazza per bene, socievole e sempre pronta a mettersi in gioco. Infatti, era proprio un gioco quella prima edizione da miss. Prove e ripetute prove presso l’agriturismo Paglialonga, poi le divise da miss, i primi scatti fotografici ed infine la serata che ha visto una marea di gente partecipare ed avviare nel modo migliore l’idea che attraverso la bellezza di giovanissime locali è possibile promuovere le nostre radici. Tina, si è prestata a tutto questo, anzi è stata promotrice lei stessa di quei valori che hanno contribuito a rendere unico un concorso di bellezza molto diverso da quelli esistenti. Era la “preferita”, veniva indicata così questa ragazza mora, dal portamento che migliorava ad ogni prova, simpatica e molto avvenente. Sotto gli occhi dei genitori i primi passi per andare in passerella e Tina è riuscita a lasciare il segno, difatti, le è stato proposto di posare per un calendario e lei l’ha fatto con professionalità e disinvoltura. Ne pubblichiamo una foto di quel calendario, l’unica ad aver saputo imitare nella posa la mitica Monica Bellucci. Diventata giovane maestra di danza, la sua passione, laureata e sempre in contatto con noi, ha valorizzato la sua terra come poche ragazze che si sono poi succedute. E’ stato un contatto diretto, una stima profonda, una bella amicizia da raccontare. Questo non potrà più farlo, purtroppo, perché dando alla luce il suo secondo figlio, la tragedia ed il dolore ha preso il posto alla felicità del momento. Non entriamo nella cronaca, di quello che è successo e perché è successo. Ci domandiamo però che nel 2019 non si può morire di parto e che la sanità calabrese deve capire che la vita è ciò che più conta. La notizia ha affranto tanti cuori, chi ha avuto modo di condividere con Tina anche un semplice momento si sarà reso conto della solarità di questa ragazza, per noi resterà una miss per sempre. Nei nostri occhi e nel nostro cuore la fortuna di aver visto la bellezza non solo esteriore, ma la personalità che Tina trasmetteva, che rimarrà scolpita e mai si vaporizzerà con il vento. Quel venticello, quella brezza marina, che ha portato in cielo una giovane di 37 anni, una madre ed una moglie affettuosa. Ai suoi cari tutto il nostro eterno affetto in un momento così difficile da superare, una gioia che si tramuta in tragedia lascerà per sempre il segno. Noi, comunque, vogliamo ricordare Tina giovane e felice, negli occhi quel suo sfilare aggraziato e malizioso, quel sorriso sornione e l’impegno ad imparare qualcosa che non conosceva. Una donna che nella sua breve vita ha saputo dare tantissimo al nostro territorio, più di quanto si possa immaginare. Lei ha saputo lasciare in tutti noi lo stile dei suoi lineamenti, l’eleganza nel modo di affrontare la quotidianità. Mai avremmo voluto scrivere di lei ricordandola, per questo Tina Adamo è e resterà la nostra Miss Preferita. Un giovane corpo e una giovane anima che mai lasceranno questo mondo che ha tanto amato, che ha tanto contribuito a rendere migliore. Alla città di Rota Greca diciamo grazie per averci dato la possibilità di conoscere chi ha scritto la storia di Miss Valle Crati e l’ha fatto con discrezione, con gentilezza, con quella cura e dolcezza che in lei albergavano sempre. Ciao Tina, ci salutiamo allo stesso modo di sempre, in quei cieli azzurri in cui ti trovi adesso, comincia a lavorare su quella passerella che, finalmente, non avrà mai fine e che lungo il percorso si potranno raccogliere solo gioie, per te e la tua famiglia principalmente. Ciao piccola Tina, una grande Miss, che abbiamo sempre rispettato, amato e capito quanto fosse immenso ciò che sapeva dare agli altri.

                        Ermanno Arcuri