C O M U N I C A T O “CASTROVILLARI. NEL PALAZZO DI CITTA’ RIUNIONE DEI SINDACI DELL’ALTO IONIO CON L’ASSESSORE REGIONALE MUSMANNO E L’ANAS SULLA DEFIZIONE DELLA STATALE 106”

Nel capoluogo del Pollino si è tenuta una riunione della Regione con i Sindaci dell’Alto Ionio e l’Anas per conoscere e capire le strategie d’intervento, da portare sui Tavoli Ministeriali competenti, circa la proposta sistemica proveniente dal Territorio interessato e riguardante gli interventi di mitigazione d'impatto ambientale che si intendono effettuare per la nuova SS. 106 tra Sibari e Roseto Capo Spulico.

Proprio a tal riguardo l’Assessore Regionale alle Infrastrutture della Calabria , Roberto Musmanno, ha incontrato questa mattina nella sala Giunta del palazzo di città di Castrovillari , e solo per una questione di logistica, vista la concomitante presenza sul Territorio dei dirigenti Anas, competenti per la materia in discussione, Sindaci e amministratori dei Comuni dello Jonio, illustrando le opzioni che sta verificando il Tavolo Tecnico governativo , costituto dai Ministeri dell’Ambiente e dei Beni Culturali, per migliorare i collegamenti sulla costa, valorizzando le zone naturalistiche e paesaggistiche, senza alterare il Territorio o incidervi particolarmente.

Ciò, è stato ricordato, attraverso opere di compensazione per ottimizzare quelle deficienze create pure da fattori idrogeologici che la definizione della nuova statale 106 ha riproposto .

Gli interventi di recupero e promozione del litorale , che sta studiando il Tavolo Tecnico, si ha intenzione di renderli nell’ottica della multiterritorialità, della  sostenibilità e della fruibilità dell’esistente che ha la necessità pure di essere messo in sicurezza per le sue ferite provocate da agenti naturalistici, meteorologici e dall’uomo.

Le opere di mitigazione sulle aree interessate riguarderebbero anche la realizzazione di una ciclopista per legare un tratto del territorio compreso tra Sibari e Roseto Capo Spulico, il quale potrebbe allacciarsi a quella della Magna Grecia la quale, abbracciando il litorale jonico e tirrenico , coinvolge Calabria, Basilicata e Sicilia in un sistema più ampio di promozione identitaria dei Territori che, nella Sibaritide, troverebbe la possibilità, tra l’altro, d’incrociare anche la pista che vien giù dalla Catena montuosa del Pollino, realizzata per la conoscenza particolareggiata delle Zone che integra il Parco più grande d’Italia e che si tuffano ad est ed ovest delle regioni limitrofe e legano questo immenso patrimonio verde con il mare .

L’intera problematica è stata discussa dagli amministratori, con Anas e Regione Calabria, attraverso una serie di domande, delucidazioni ed osservazioni per capire anche in che modo le municipalità devono e possono muoversi in questa nuova idea d’intervenire sulla statale 106 senza stravolgere e , soprattutto, garantendo le strategie di qualità paesaggistiche che sono i volani fondamentali di quello sviluppo corrispondente alle comunità che risiedono sul litorale e che necessitano di collegamenti adeguati, determinanti per la crescita come per i trasporti di cui necessitano. Da qui l’esigenza da parte della Regione che questa interlocuzione si sviluppi ed approdi al più presto ad una soluzione che si attente con ansia. A margine della riunione l'Assessore Musmanno ha dichiarato: "Il  momento di confronto con tutti i Sindaci dell'Alto Jonio - a mio giudizio -  è stato molto proficuo, consentendo di delineare meglio le strategie da mettere in campo per un proposta che sia vincente sui Tavoli nazionali. Ringrazio l'Architetto Magarò e l'Ingegnere Lapenta per aver assicurato la partecipazione qualificata dell’Anas al momento odierno". Il prossimo appuntamento è stato fissato per il 21 marzo a Trebisacce.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)