BISIGNANO: MASSICCIA OPERAZIONE DEI CARABINIERI ALLA RICERCA DI LUIGI FUMAROLA

Oggi operazione a terra con l’ausilio dei nuclei speciali dei carabinieri, che si avvarranno dei cani molecolari ed anche di droni per cercare tracce o indizi di Luigi Fumarola, 25 anni di Bisignano, scomparso da una decina di giorni dalla sua abitazione di località Mastro d’Alfio dove viveva da solo. I Carabinieri, coadiuvati da uomini della protezione civile, batteranno palmo a palmo il territorio, anche dall’alto. Le ricerche a terra arrivano dopo i riscontri operati con mezzi tecnologici, verosimilmente dai riscontri dei tabulati   e l’incrocio delle celle   telefoniche, almeno fino a che il telefono ha funzionato. Ora, il numero di Luigi, fatto migliaia di volte dai genitori, dà il segnale di telefono spento. Intanto, oltre gli appelli di parenti ed amici attraverso la rete, arriva anche l’appello delle istituzioni: “il Sindaco e i colleghi Amministratori esprimono forte preoccupazione per la scomparsa del giovane Luigi Fumarola, si attivano per quanto di competenza per coadiuvare le ricerche e le indagini delle forze dell'ordine affinché esse possano avere al più presto esito positivo. E invitano quanti abbiano notizia a riferirle celermente a chi di competenza”. Dal canto suo, la mamma di Luigi, trova rifugio nella sua religione affidandosi a “Gesù Grande e Misericordioso ti Amo Tanto non abbandonarmi in questo momento di immenso dolore aiutami a ritrovare mio figlio Luigi”. Per quello che è stato possibile appurare, l’ultimo a vederlo sarebbe stato il padre. Luigi è riconoscibile per avere due grandi tatuaggi sulle braccia. Per chi avesse notizie, la famiglia ha messo a disposizione due numeri telefonici 3791806268 e 3917735157 oltre, naturalmente, al 112 dei carabinieri che dopo la denuncia dei genitori proseguono incessanti e senza sosta le ricerche del giovane.

                                                                                                                      Rino Giovinco